• Capraia,  Flora

    L’Erba Gatta o Maro

    L’Erba Gatta o Maro (teucrium marum) è una pianta della famiglia delle Angiospermae Labiatae. Fusto legnosetto, ramosissimo, alto 30-50 cm. Foglie piccole, quasi persistenti, ravvicinate, ovato-lanceolate, di circa 1 cm di lunghezza, verdi, pubescenti e bianco cenerognole di sotto, con picciolo corto, esalanti forte odore eronatico eccitante e sternutatorio. Fiori piccoli, in racemi terminali; calice vellutato, con denti lanceolati; corolla porporina, con labbro inferiore a lobo mediano arrotondato. Fonte: Traverso 1990, p. 1154 In Capraia si incontra facilmente lungo la strada che si inoltra nella ex colonia penale. La fioritura principale avviene tra Giugno e Luglio.

  • Capraia,  Flora

    La Cineraria Marittima

    La Cineraia Marittima (Senecio cineraria DC., Astaracee) occupa la fascia costiera dell’isola nella parte alta delle coste rocciose fra 10 e 80 m di altitudine. Si può ammirare anche lungo la parte terminale del sentiero che conduce alla Cala dello Zurletto ma anche durante il giro dell’Isola in barca. Fioritura da Giugno

  • Capraia,  UGC (user generated content)

    C’è un’Isola-che-non-cè per ogni bambino…

    Di Marco Rustioni Isole: Capraia C’è un’Isola-che-non-cè per ogni bambino, e sono tutte differenti.(Peter Pan)      Arcipelago toscano! Sette perle!! Sette frammenti di Terra testimoni di irripetibili  vicende geologiche che si sono rincorse in milioni di anni. Mondi nel mondo! Scrigni capaci di custodire gelosamente il loro prezioso contenuto frutto di mirabili eventi naturali che si sono intrecciati nel corso del tempo, ora in modo pacato ora tumultuoso.           Eccola, Capraia!! Adagiata tra la Gorgona e l’Elba e  protesa verso la Corsica, entra in scena a partire da 10 milioni di anni fa a causa di  eventi vulcanici destinati a cambiare il volto di questa parte del “mare nostrum”. Isola…

  • Agricoltura,  Capraia

    Le Capre di Capraia

    Di Elisa Casagrande Montesi Il Saracello, azienda agricola, nasce nel 2016 con un obiettivo: riportare sull’isola l’antica pratica dell’allevamento e della produzione del formaggio di capra. Nel 1873 con la “casa di lavoro all’aperto”, ossia la colonia penale si dà slancio ad un allevamento non più solo di sussistenza ma anche di commercio locale. Era possibile, infatti, l’acquisto dei prodotti per gli abitanti dell’isola presso lo spaccio. La chiusura del carcere determina l’abbandono dell’allevamento, riportato poi in auge da Elio Gambardella e infine dal Saracello. Imprenditoria eroica e coraggiosa quella dei tre soci ed amici Alessandro, Iacopo e Massimiliano che nella primavera del 2016 iniziano quest’avventura. Il gregge, composto da…

  • Arte,  Capraia

    STORIA DI QUESTI GIORNI/CAPRAIA, L’ISOLA DELLA GIUSTA DISTANZA

    Testo di Andrea Semplici | Disegni di Elena Arrò [tratto dal sito https://www.erodoto108.com/ del 13 MAGGIO 2020] Anni fa Marida mi scrisse dall’isola: ‘Se non accendi il computer, se il vento fa oscillare le antenne e la televisione si ammutolisce, qui non saprai nulla del mondo. Non arriveranno le notizie. Può accadere qualunque cosa e qui puoi non saperlo’. Io ripresi quelle sue parole per un articolo e le lasciai in sospeso. Provo una leggera invidia. Conosco Marida da anni e anni, eravamo giovani, quando arrivai per la prima volta all’isola. So che, a quelle parole, lei aggiunge sempre: ‘Non mi sento fuori dal mondo’. Sorrido mentre mi viene da…

  • Agricoltura,  Capraia

    Arura è Susanna

    Di Elisa Casagrande Montesi Susanna è Arura e Arura è Susanna. Mi lascia sempre d’incanto entrare nella piccola, quasi minuscola, bottega di Susanna e coglierla intenta a preparare marmellate e liquori avvolta nel suo grembiule bianco. Arura nel mondo preromano indicava l’unità di misura della terra fertile. L’azienda agricola, a conduzione familiare, nasce insieme alla voglia di recuperare le origini orgogliosamente contadine di Susanna, dopo i quarant’anni d’insegnamento sull’isola. Arura si occupa della raccolta di frutti, bacche e fiori spontanei della macchia mediterranea e della loro trasformazione in grappe, marmellate e biscotti. Mirto, lentisco, finocchietto e rosa canina sino ad arrivare all’Elicriso Italico che più rappresenta Capraia. Helicrysum, dal greco…

  • Capraia,  Flora

    Il Fiordaliso di Capraia

    Il Fiordaliso di Capraia (Centaurea gymnocarpa) è una pianta endemica (cresce solo a Capraia) che fiorisce a partire da Maggio. Una pianta così rara è però facilmente ammirabile lungo la strada provinciale che unisce il porto con il paese. Numerose piante sono visibili sulle rocce a picco sulla strada all’altezza dello “specchio”. Il Fiordaliso di Capraia è tra le 50 piante più rare (ed in pericolo) delle isole del mediterraneo nella classifica dell’IUCN (The World Conservation Union) Fonte: Foggi, B. 2006. Centaurea gymnocarpa. The IUCN Red List of Threatened Species 2006 Descrizione scientifica (fonte: https://www.cooksonia.it/BOT_PDF/C/Centaurea%20Gymnocarpa.pdf): Pianta erbacea perenne, alta 45-60 cm, con fusti robusti, corimbosi. Apparato radicale profondo, in grado…

  • Capraia,  Fauna

    Il Marangone dal Ciuffo

    Il Marangone dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis desmarestii) è simile al Cormorano, con piumaggio nero, che alla fine dell’inverno e in primavera assume, negli adulti in riproduzione, tonalità lucenti e cangianti, con un becco adornato di un giallo brillante. In questo periodo certi individui sviluppano un piccolo ciuffo di piume che si erge sulla fronte. I giovani hanno piumaggio del dorso marrone anzichè nero e il ventre e collo color chiaro, talora bianco. Il Marangone dal ciuffo è un tipico uccello immersionista. Il corpo è allungato, le zampe molto arretrate così da meglio servire come propulsori nel nuoto. Pesca per lo più pesci che rincorre attivamente e cattura sott’acqua. La popolazione…

  • Capraia,  Fauna

    Il Gabbiano Corso

    Il Gabbiano Corso (Larus audouinii) è un gabbiano raro e più piccolo del Gabbiano Reale e compare ancora nella famigerata lista rossa degli uccelli in pericolo di estinzione. La colorazione del piumaggio è analoga al Gabbiano Reale ma il grigio è più perlato. Le zampe sono grigio scure, l’occhio è scuro e il becco è di un magnifico rosso corallo/amaranto, con una banda trasversale nera e l’apice talora crema. E’ una specie coloniale, molto dipendente da fonti alimentari marine, specializzato nel pescare pesci e cefalopodi in superficie. Frequenta per lo più coste e baie tranquille. Non vola in alto e non frequenta l’interno dell’isola. l gabbiano corso è presente in…

  • UGC (user generated content)

    Il vostro scoglio profumato

    di Alfredo Paltrinieri (21-4-2020) Salve mi chiamo Alfredo Paltrinieri sono di Carpi (MO) frequento da tanti anni il vostro scoglio profumato e lo amo con tutto il cuore (tra l’altro mio figlio e’ stato concepito durante una vacanza sull’isola) Ora sono in pensione, ma quando lavoravo, per liberarmi dallo stress mi facevo qualche giorno in solitaria sui sentieri stupendi dell’isola!Che ricariche allo spirito mi facevo !!!! Appena questa situazione finira’ non manchero’ di ritornare a godere la bellezza di Capraia ! Vi invio alcune foto scattate durante la mia prima visita nell’83 spero vi faccia piacere saluti Alfredo PS la prima foto è riferita ad una assetata lucertola che ho…